Intervento a CONTESS 2020 di Tobias Wallisser. Articolo tratto dagli atti del convegno CONTESS 2020

0

Nella mia lezione al simposio vorrei parlare delle possibilità di “formazione spaziale” attraverso le membrane. Il punto di partenza è il fascino degli studi di Frei Otto negli anni Sessanta, ma soprattutto la sua comprensione dell’architettura come ricerca. In questo caso, si tratta meno di ricerca materiale che di possibili applicazioni spaziali.  Alcune visioni dei sei anni diventano realizzabili grazie alle nostre attuali possibilità tecnologiche, ma sono concepibili anche nuove utopie. Gli elementi leggeri e convertibili che sono minimamente tensionati tra le travi dei bordi possono essere utilizzati in vari modi e a diverse scale.

L’arco di progetti in diverse scale e l’integrazione di funzioni tecniche in elementi architettonici dall’aspetto estensibile per la creazione di spazi e atmosfere è illustrato con progetti e immagini di opere proprie e riferimenti storici. 

ABK-Stuttgart-Tobias-Wallisser-Pavillon-Lichtwolke-Ludwigsburg-2015

Da più di dieci anni lavoriamo, pensiamo e talvolta implementiamo progetti in ufficio al LAVA. Per il momento, abbiamo lavorato con superfici minime fatte di tessuti elastici e le abbiamo utilizzate per creare nuove relazioni spaziali interni esistenti (Green Void / Sydney o MTV / Sydney). Abbiamo quindi elaborato questi studi sugli elementi generati digitalmente e prodotti da CAM con l’idea per il progetto “re-skinning”, una nuova facciata adattiva per le torri UTS di Sydney.

LAVA-Vuoto-Verde-Dogana-Sydney-2009

Allo stesso tempo, abbiamo lavorato a progetti nel clima desertico, prima ad Abu Dhabi e poi in Arabia Saudita.  In stretta collaborazione con gli ingegneri climatici, sono stati sviluppati concetti per creare comfort nello spazio esterno per mezzo di membrane. Nel primo progetto per il centro della città di Masdar, l’involucro climatico consisteva in grandi ombrelloni, in seguito per una città visionaria senza CO2 nel deserto in Arabia Saudita poi come una grande vela, che dovrebbe estendersi su intere valli.  Sebbene questi elementi non siano fatti di tessuti, le membrane utilizzate ricordano le Vele nelle città dell’Europa meridionale e hanno i loro modelli nell’architettura tessile.  Il cambiamento di scala è anche oggetto di uno sviluppo tecnico-performativo, quindi il lato inferiore riflette il freddo verso il basso mentre il fotovoltaico è integrato per la generazione di energia. Da un guscio creiamo uno strato che modifica il clima, che crea solo il prerequisito per colonizzare l’aspro paesaggio desertico.

LAVA-KACARE-Città-delleNuvole-Riad-2011

Nel mio lavoro di insegnamento presso l’Accademia Statale di Belle Arti di Stoccarda, mi occupo anche concettualmente con gli studenti dell’uso di membrane per “l’educazione spaziale”. Anche in questo caso, l’attenzione si concentra meno sulla domanda di realizzazione tecnica precoce che su un approccio concettuale – come si può creare di più – spazio, qualità dello spazio, flessibilità – con meno materiale e risorse? Da un lato, abbiamo lavorato al progetto di un padiglione pneumatico, che come il padiglione ‘Light Cloud’ è diventato il fiore all’occhiello del simposio Space Worlds. Il nome riflette il programma: un   edificio che non è percepito dalla sua materializzazione ma dalle sue qualità atmosferiche. Come utopia per la conversione di vecchi edifici, ci siamo occupati del trasferimento di principi bionici per i sistemi di facciata. Ispirati da una nuova generazione di tute spaziali della NASA chiamate “Bio-Suit”, abbiamo ridefinito i requisiti e i compiti degli involucri degli edifici e li abbiamo caricati di funzioni come interfaccia tra aree pubbliche e private. Sono state create facciate in grado di pulire l’aria, raccogliere acqua ed energia, ma anche adattarsi alle esigenze degli utenti e creare nuove connessioni tra i diversi piani.

Per maggiori informazioni:
https://eurotextileacademy.com/it/contess-2020-it/

Tobias-Wallisser-Laboratory-for-Visionary-Architecture-Berlin

LEAVE A REPLY

Please enter your comment!
Please enter your name here